Italian English French

Ecco le nostre spedizioni:

 

1)    “SVALBARD ‘82” (giugno-luglio) - più di 300 km a piedi con l’incarico da parte di vari Istituti Universitari Torinesi di raccogliere tutti i campioni possibili di flora locale e di studiare alcuni comportamenti  dell’occhio umano sottoposto a 24h di luce continua  ed in condizioni di forte affaticamento fisico. Nel corso della spedizione viene avvistato,avvicinato e  fotografato l’ultimo esemplare di bue muschiato.

Componenti: Franco GIARDINI, Walter FORNO, Enzo GAY, Paolo BOSIO, Marco SALVO, G.Franco TOSO.

 

2)    “SVALBARD  ‘84” (marzo, prima invernale italiana) - 500 Km in motoslitta sul mare ghiacciato e sui ghiacciai interni, con l’incarico di studiare la fisiologia dell’occhio in condizioni polari opposte a quelle dell’ ’82.

Componenti: Franco GIARDINI, Enzo GAY, Paolo BOSIO, Gèrard  DELACOTE, Rudy LALLO.

 

3)    “SVALBARD ’86“ (giugno-luglio) - oltre 800 Km in gommone sulla rotta degli  itinerari di soccorso  ai naufraghi della “Tenda rossa” (1928). Vengono effettuate immersioni subacquee tra i ghiacci per raccogliere  materiale biologico per conto della Università di Siena nel quadro di un lavoro pluriennale e policentrico svolto in tutte le zone remote del pianeta allo scopo di considerare lo stato di inquinamento da pesticidi e cloroderivati. In questa occasione viene anche allestito un piccolo e semplice osservatorio scientifico che però poi non avrà seguito a causa del disinteresse delle Autorità Ministeriali di Roma e del Piemonte.

Componenti: Franco GIARDINI, Walter FORNO, Enzo GAY, Paolo BOSIO, Paolo MILANESE, Gèrard DELACOTE, G.Franco TOSO, Alberto MARENGA, il giornalista della  RAI  Guido BOURSIER e l’operatore TV G.Franco ISOARDI.

 

4)    “TERRA  di ELLESMERE  ‘88”  -- (agosto-settembre, Alto Artico Canadese) - oltre  

300 Km in gommone con immersioni subacquee per proseguire il lavoro di ecotossicologia  delle precedenti spedizioni. Incontro con la comunità esquimese più a Nord  del Canada, Grise  Fjord, e con la comunità scientifica di Eureka  a 81° Nord.

Componenti: Franco GIARDINI, Walter FORNO, Enzo GAY, Paolo BOSIO, Paolo MILANESE.

 

5)    “KALAALLIT  NUNAAT  ‘91” – (agosto, Groenlandia Est)  -  1000  Km  in gommone Nel fiordo più lungo del mondo. Tra i giganteschi icebergs nelle acque al limite del     Grande parco naturale di Groenlandia, zona assolutamente interdetta al turismo, per proseguire la raccolta di molluschi bivalvi, iniziata nelle precedenti spedizioni, nel quadro di un lavoro di fisiologia comparata.

Componenti: Franco GIARDINI,Walter FORNO, Enzo GAY, Paolo BOSIO, Paolo MILANESE, Saverio VERDUCI.

 

6)    “ZEMLYA  FRANTSA  JOSIFA  ‘94”  -  ( agosto-settembre, Terra di Francesco Giuseppe, Artico russo, l’arcipelago più a Nord del mondo). La spedizione torinese è la  prima  occidentale in assoluto a ritornare  in questo  arcipelago nel corso del 1900. Gli obiettivi dell’impresa, poiché è stata veramente un’impresa raggiungere questo estremo arcipelago dell’ex unione Sovietica, sono stati:

a)    storico - perché il gruppo italiano ha percorso parte della rotta che 95 anni prima la nave “Stella Polare” del Duca degli Abruzzi aveva seguito, ha messo piede a terra negli stessi luoghi toccati dalla storica spedizione raccogliendo e catalogando molti reperti storici di quella e di altre importanti spedizioni di fine ‘800.

I reperti sono stati donati al Museo Polare di Fermo e al museo Nazionale della Montagna”Duca degli Abruzzi” di Torino. 

b)    documentaristico - perché immagini recenti, dia e video, di queste isole polari comprese tra gli 80°e gli 82° di lat Nord non esistevano prima di  questa spedizione.

c)     scientifico - per incarico dell’Orto Botanico dell’Univ.di Torino, al fine di raccogliere il più vasto numero di campioni di flora artica possibile onde condurre una comparazione con i campioni raccolti 95 anni prima dalla spedizione del Duca Abruzzi. noltre licheni, muschi, funghi e pesci raccolti durante immersioni subacquee, sono stati inviati in quantità al Dipartimento di Biologia Ambientale  dell’Univ. di Siena per continuare il mappaggio iniziato da anni sull’inquinamento da cloroderivati  in Artide.

Componenti: Franco GIARDINI, Walter FORNO, Enzo GAY, Paolo BOSIO, Paolo MILANESE, Saverio VERDUCI, Victor SEROV, Eugene SAVCHENKO.

 

7)    “SVALBARD-Terra di NORDEST 2000” - (agosto-settembre) - Sulle tracce delle  pattuglie inviate  in soccorso ai naufraghi della “tenda rossa”.  Svoltasi in condizioni proibitive per la presenza di massicce estensioni di pack che ne hanno condizionato ogni spostamento, la spedizione ha individuato una piccola isoletta toccata da una delle pattuglie di alpini impegnate nella disperata ricerca dei naufraghi.

Componenti: Franco GIARDINI, Walter FORNO, Enzo GAY, Paolo MILANESE, Saverio VERDUCI, Stefano POLI.

 

D1000114

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei visitatori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.